Come Matteo Renzi avrebbe dovuto commentare Rimborsopoli se avesse imparato qualcosa dalla Dc

Standard

di Matteo Renzi*

 

Il cosiddetto caso “rimborsopoli” che sta investendo il MoVimento Cinque Stelle va affrontato con la lucidità che quasi mai Grillo e i suoi collaboratori hanno dimostrato nei nostri confronti.

Vedere Di Maio che parla di “mele marce” ricorda, è vero, il Craxi che definì Mario Chiesa un mariuolo. Ma comprendo perfettamente lo sgomento del capo pentastellato nello scoprire che persino tra i suoi esistono, al netto di un corpo che immagino sano, torsioni e storture tipiche di un partito quando arriva a contare milioni di sostenitori e centinaia di deputati.

Penso sia sincero.

Per questo non ci uniremo al linciaggio di chi gongola vedendo gli “onesti” in difficoltà. Il MoVimento Cinque Stelle ci è avversario in tutto, ma ben conosciamo i danni che la cultura del sospetto ha fatto alla politica di questo Paese. Che deve essere trasparente, non solo sembrarla, senza cadere nel populismo.

Quando Alessandro Di Battista dice “non è vero che sono tutti uguali” ha perfettamente ragione. È ciò che noi del Pd, che il senso dello Stato lo abbiamo nelle radici, diciamo da sempre. Per questo chi si proclama più uguale degli altri sbaglia, per questo “rimborsopoli” è verosimilmente una prova di maturità che la democrazia impone a chi sa accettarne le regole.

Per inciso, è la stessa “restituzione” l’errore fondante: intanto perché versarla alle piccole e medie imprese configura una sorta di “clientelismo buono”. Poi perché lo stipendio di un deputato, eliminando le storture che il nostro Matteo Richetti ha provato ad affrontare purtroppo con relativo successo, è una garanzia di indipendenza rispetto alla corruzione e alle pressioni delle lobby. Fermo restando che se un politico ruba, deve essere perseguito per primo.

Concludendo, auguro ai Cinque Stelle che la corsa elettorale non sia toccata da questa storia, e a me stesso di ritrovarmi nel dopo-voto (che si annuncia non facile) ad avversarci duramente ma lealmente con una sola stella polare: il bene degli italiani.

Tutti.

*Testo raccolto da Luca Bottura della “Amintore Fanfani School of Political Speeches” di Borgo Panigale

Di come non ho passato l’esame di antifascismo (e di come aiutare i nostalgici del pelato, spero involontariamente)

Standard

Ho passato i cinquant’anni ma resto un ragazzo semplice.

Poche idee, sempre quelle. Ad esempio, anche per ragioni familiari, mi stanno molto sui coglioni i fascisti, i razzisti, gli intolleranti. Ho paura di un loro ritorno al potere, magari in una qualche forma transgenica, anche se i tizi di Forza Nuova, Casa Pound e compagnia berciante manco hanno deciso di discostarsi dal modello originale.

C’è un’arietta autoritaria diffusa e terrificante. Che un legaiolo nazista spari su nigeriani innocenti, e che invece dell’ondata xenofoba si discuta del pericolo di averle qua, le vittime, mi pare surreale. Specie se a farlo è la sinistra democratica. Non potrei definirmi comunista, quando me lo dicono sorrido. Ma se aggiungono “italiano”, diciamo che ci prendono. Breznev no, per capirci. Berlinguer di corsa.

Non che io abbia tutto ‘sto seguito, ma diciamo – per citare credo Alberto Tomba – che chi mi conosce un po’ lo sa.

Dopo i fatti di Macerata, e dopo la decisione di Anpi, Cgil ed altri di disertare la manifestazione in programma sabato scorso, ho scritto un pezzetto, proprio qui, piuttosto difficile da fraintendere: si stava perdendo una grande occasione. Per fortuna qualcuno ha raccolto la bandiera antifascista, l’ha tenuta alta e ben visibile, la città è stata invasa pacificamente, e la folla composta ha dimostrato come ci si possa unire e fortificare nel nome di un ideale non negoziabile.

Anche se a qualcuno, tipo Minniti e il Pd, non pare il momento.

È il momento. Sarà sempre il momento.

A un certo punto, ieri, si è diffusa la notizia che un drappello di idioti aveva intonato cori a favore delle foibe. Una minoranza. Sparuta. L’ho letto. Ho scritto una cosa banale (scrivo spesso cose banali) e cioè che erano sontuose teste di cazzo. In precedenza, mi ero anche permesso di rilevare che la bandiera no-Tav in quel contesto non c’entrava una mazza. Qualcuno mi aveva scritto che la Tav (o il Tav, vedete voi) è fascista. Avevo risposto che il filobus invece è del Psdi. Sembrava finita lì.

Oggi però un drappello social è venuto a farmi l’esame di antifascismo. E pare che io non l’abbia superato. Si sono convinti che commentassi la notizia sulla meravigliosa (autocit.) manifestazione di Macerata per strumentalizzarla. Senza capire che stavo facendo l’esatto contrario: volevo discostare tutti noi antifascisti da quel piccolo covo di neuroni spariti, temendo la strumentalizzazione che ne avrebbero fatto i trombettieri nostalgici dell’orbace.

Non è andata bene. Qualcuno mi ha rimproverato di aver preferito Sanremo a Macerata e vabbè, ci sarei appunto andato volentieri – a Macerata, a Sanremo ho già dato – ma proprio non potevo. Ho incassato. Altri mi hanno spiegato che volevo sporcare la manifestazione (definendola meravigliosa: certo). Altri ancora hanno letto il mio pezzo dell’altro giorno al contrario, e invece di rilevare messaggi satanici si sono convinti che nel mio intimo, pur senza esplicitarlo, tifassi perché a Macerata fosse un flop.

Siccome ho appunto cinquant’anni, mi ricordo bene Genova. E mi ricordo che i black bloc, lasciati liberi di sfasciare, vennero usati per distruggere per sempre il movimento No Global italiano. Mentre alla Diaz e dintorni venivano massacrati gli inermi. Ciò che temevo era che qualche furbastro dirottasse Macerata per spezzare le gambe alla battaglia antifascista. Per fortuna (e per la forza di chi è sceso in piazza) non è successo.

Poi naturalmente io posso sbagliare, ma la sintesi di questo pippone è piuttosto semplice: se vediamo complotti anche tra chi la pensa come noi (eccazzo: documentatevi un po’ su chi state contestando, mi pare che persino Martufello sostenesse di come il mezzo sia il messaggio) faremo il gioco di quelli che diciamo di voler combattere. E lasceremo liberi i nostalgici del crapone.

Se poi qualcuno davvero è contento che gli innocenti siano stati infoibati, anche se come rappresaglia per le porcate fasciste in Jugoslavia, quello è un problema suo. Ma diventa un problema mio quando qualcuno lo userà per rendere meno forte una battaglia che invece dovremmo fare insieme. Senza rompere i coglioni a quello di fianco, contandoci sempre più spesso, e cercando di guardare avanti.

Possibilmente con la coscienza pulita di essere indignati, sinceramente, anche per i civili “degli altri”.

W la Resistenza. Sempre.

Ciao.

 

Ps (aggiornamento) A me il mio testo sembrava chiaro da subito: una robina di civiltà, per contarci tra noi, ribadendo che della folla di Macerata dobbiamo essere fieri. Poi siccome abbiamo dei genialoidi che negano la notizia e mi assaltano urlando al complotto giornalistico, chiedendo “le prove!”, allora ecco le prove.  Un coro si sente a 1:42:20 ed è un frammento di due ore bellissime che solo alcuni ultrà in loco e da tastiera si ostinano a sporcare difendendo l’indifendibile. Se vi capita, vedetelo tutto. E speriamo di trovarci uno a fianco all’altro, se servirà, sperando che non serva.

Un modesto suggerimento di marketing per l’ex presidente del consiglio, Matteo Renzi

Standard

 

Richiesto di tradurre questo tweet di Matteo Renzi, il più potente calcolatore del Mit di Boston è esploso.

Analoga reazione per le mie sinapsi, tanto che mi ero limitato a ritwittarlo con il commento “Eh?”, cui avevano fatto eco alcuni miei follower citando, ça va sans dire, il conte Mascetti. Come se fosse antani.

Poi però ho pensato di diventare il Ris di Parma di me stesso. Di cercare un senso a questa storia, anche se pareva non l’avesse. Ho tentato un’analisi del testo. E mi sono spaventato.

Dunque, partiamo dall’inizio: “Quello di Macerata è un atto di razzista”. E fin qui ci siamo. Virgola. “Ma non sono i pistoleri che possono portare giustizia”. “Ma” è un avversativo. Cosa ci faccia lì non è dato sapere. Siccome disgiunge, pare introdurre un argomento nuovo che non ha a che fare col postulato precedente. Prendiamo dunque la frase di per se stessa e inseriamola nel contesto. Una traduzione sommaria sembra essere: “Ok, erano neri. Ma per questo ci sono le forze dell’ordine”. Cosa scritta in modo più intellegibile anche da Maurizio Gasparri. Solo che detto da Gasparri è una sorpresa positiva, dal segretario del Pd forse no.

Ma attenzione, ché arriva il capolavoro: “L’assunzione per ogni anno di 10mila tra carabinieri e poliziotti è la risposta: buonsenso e non tagli alle forze dell’ordine”. Cioè: un esaltato fascista spara a persone innocenti, per vendicare una povera ragazza che ancora non sappiamo se sia stata uccisa, e la risposta è più polizia per aumentare la sicurezza sociale percepita. Da quelli che votano.

Ora: per fortuna di Renzi, non ne sono lo spin doctor. Se lo fossi, attenendo a un’area politica che un tempo fu parente della mia, gli consiglierei di guardarsi indietro. Vinceva quando dettava l’agenda. Non quando se la faceva dettare da Libero.

In una campagna elettorale in cui l’offerta sul mercato è tutto sommato equivalente (Salvini punta al ventre molle, Berlusconi come sempre appena più in basso), tutti sembrano impegnati in un tragico dibattito di quelli  “moderati” da Maurizio Belpietro. È un po’ come combattere la cocaina con la Redbull: i tossicodipendenti vogliono la dose forte.

Non penso che Renzi sia realmente vicino a questa brodaglia autoritaria in cui ci stiamo lentamente calando. Più facilmente non sa come recuperare consenso. Per questo dovrebbe sapere che il suo target chiede una merce che in campagna elettorale vale più del tartufo d’Alba: la verità.

Chi, oggi, con una base culturalmente coesa alle spalle, uscisse dal coro e dicesse che l’invasione non c’è, che se giustifichiamo i pistoleri come quello di Macerata conteremo i morti per terra, italiani e stranieri, che senza la badante di vostro nonno, gli operai delle fabbriche in cui sono fatte le vostre piastrelle, i medici extracomunitari che si accasano alle Asl con stipendi da fame, saremmo un Paese nella merda, otterrebbe un botto di voti.

E aiuterebbe questo sfortunata repubblichetta di Weimar.

Forse è tardi, ma fossi in lui proverei.

 

Vedi Napoli e poi ti girano a elicottero

Standard

Devo dire – e sticazzi – che se il Napoli vincesse lo scudetto mi farebbe piacere. Non in funzione anti-Juve (io non sono anti-Juve, non sono anti-niente, in genere mi girano i coglioni quando i grandi fanno i prepotenti coi piccoli) ma perché qualche barlume di novità renderebbe il piattume prevedibile della Serie A un argomento leggermente più interessante. In generale, i napoletani generano in me sentimenti contrastanti. Come una città estrema non può non cagionare. In parte li adoro, ne vado pazzo, ricordo ancora quel signore che inseguì la mia compagna per restituirle il portafoglio: “Signuri’ non ve lo dovete perdere il portafoglio a Napoli”. Altre volte bestemmio per come un posto così meraviglioso, una capitale, viene maltrattata anche da alcuni di quelli che ci abitano. Un po’ come l’Italia intera. E faccio mia la pugnacità dei napoletani perbene, ovviamente la clamorosa maggioranza, che sono capaci di raffinatezze dell’animo e dell’intelletto che altrove credo non esistano. Lo dico perché oggi, durante quella specie di live-tweet che ho fatto sulle sciocchezze a raffica dell’arbitro del match col Bologna, qualcuno ha tirato fuori mandolino, pizza e altre cazzate. Ecco: lascerei stare ‘sto vittimismo luogocomunista. Ma vorrei approfittarne, amici partenopei, per spiegarvi una cosa che mi è capitato di far rilevare anche agli juventini (e in generale ai tifosi delle grandi): se il Napoli, con la squadra che ha, gioca col Bologna, ne vince 19 su 20. Ecco, ieri poteva essere la ventesima. Perché abbiamo disputato, da inferiori, una grande partita. Abbiamo tirato in porta pericolosamente 7 volte (contro 4) e siamo finiti cornuti e mazziati. Segnalo in primis due dati inequivocabili: il rigore di Koulibaly che stoppa a braccio largo un pallone che sta andando in porta. Niente. Il rigore inesistente di Callejon (il contatto comincia fuori, e comunque quella dopo è una plateale simulazione). Ma se devo scegliere due episodi che raccontano quel che è successo, forse sono persino più indicativi il mancato giallo a Koulibaly che a momenti azzoppa Palacio, dietro al quale correva a lingua penzoloni, a centrocampo. E soprattutto la punizione di Mertens dal limite all’inizio del secondo tempo, ottenuta nonostante il più vicino del Bologna fosse a un metro. Roba per cui persino Gentile di Sky (che è ossequiente con tutte le grandi, non solo con la Juve: sveglia) prevedeva un’ammonizione in fase di cronaca diretta. Ora mettetevi nei miei panni (stareste larghi) e di chiunque con le squadre più forti sa bene a cosa va incontro, ma poi manco può giocarsela. E ora che siete vestiti di rossoblù, pensate a quanto ti ruotano le balle quando nelle sintesi il “mani” napoletano manco lo montano. E comunque in telecronaca era già stato derubricato a nulla cosmico. Se per caso fossimo andati 2-1… se per caso aveste continuato a fare la fatica boia che stavate affrontando per tirare in porta, se mia nonna avesse le ruote… Voglio dire: ma certo che poi Mertens fa la terza pera. Ce l’ha il Napoli, mica il Bologna. Forse non c’è un ruolo singolo in cui il Napoli sia inferiore a noi. Però manco giocarsela è fastidioso. E fare la morale a chi elegge Mazzoleni uomo partita Sky, come il sottoscritto, per cercare di esorcizzare i maroni a elicottero, rischia di essere non dico poco elegante, ma poco sintonico da parte di chi a remare in direzione ostinata e contraria è abituato. E anche piuttosto orgogliosamente. Sennò, come mi pare dicessero a Innsbruck, diventa un “chiagni e fotti”. Cé verimm’.

Che cos’è diventato il Pd: una riflessione inutile e noiosa

Standard

Cos’è il Pd?

Anzi: cos’è diventato?

È una domanda che mi sono fatto stamattina dopo aver appreso che vogliono togliere il canone Rai perché è inviso agli italiani.

Il che, proposto dal politico attualmente più inviso agli italiani, tocca livelli di surrealtà quasi inimmaginabili.

Ma non è una risposta alla mia questione.

Cos’è il Pd e perché c’è ancora un venti per cento di italiani che lo voterebbe?

È il partito che difende le classi meno abbienti? No. Il jobs-act è un regalo agli imprenditori che ne hanno approfittato per mettersi qualche spiccio in saccoccia. Ma abbiamo lo stesso la ripresa economica del Burkina Faso. E generazioni intere che non sanno cos’è un vero contratto a tempo indeterminato.

È il partito dei diritti? Forse. Ma le unioni civili (un discreto compromesso dovuto all’imbarcata di bigotti che sostengono il governo) sono un parto di Monica Cirinnà, sposato da Renzi per convenienza, lo stesso Renzi che la Cirinnà politicamente detesta.

È il partito della compassione? Possibile. Ma il fine-vita approvato di corsa è una battaglia trasversale, figlia degli stessi radicali che per correre alle elezioni, mentre il Pd traccheggiava, hanno dovuto ricorrere a Tabacci (!). E porta la firma di quasi tutti i partiti. Persino i grillini.

È il partito della legalità? Ha fatto più condoni per il nero estero su estero di chiunque altro, ha chiuso Equitalia invece di riformarla, ha cacciato la direttrice dell’Agenzia delle Entrate perché non aveva fatto abbastanza interviste (e ne aveva fatte diverse) per ribadire che lo Stato è brutto e cattivo ma qualche soldo di evasione bisognerà pur recuperarlo.

È il partito della tolleranza? I tizi che muoiono nei lager libici direbbero che no, non lo è. E se ci sono sindaci piddini che schedano gli extracomunitari, altri che bloccano le residenze dei rifugiati, altri ancora che sfilano insieme a Forza Nuova contro l’invasione, non si vede perché i razzisti di tutta Italia non dovrebbero votare l’originale.

È il partito dell’Europa? No. Renzi ci ha spiegato in lungo e in largo che dobbiamo battere i pugni sul tavolo (quelli che non sappiamo battere sulle quote migranti) per sforare il deficit e farci dare altro denaro oltre a quello che già non sappiamo spendere per i progetti finanziati da Bruxelles.

È alternativo a Forza Italia? Su molti temi, in primis il mantra sulle tasse, è sovrapponibile.

È alternativo alla Lega? Vedasi il capitolo sulla tolleranza.

È alternativo ai Cinque Stelle? Insegue gli stessi voti, e a livello di comunicazione spesso lo fa con i medesimi toni urlati, additando ogni forma di critica come un Rocco Casalino qualunque.

L’altro giorno ho incrociato in treno una deputata renziana. La conosco da anni. È una persona perbene, competente, sincera. Mi ha detto che bisogna far fronte perché sennò arrivano i fascisti. Il che (l’arrivo dei fascisti, o come vogliamo chiamarli) mi sembra plausibile, anche se confido molto in Mattarella.

Non ho avuto cuore di chiederle perché bisognerebbe votare proprio il Pd. Né se si sia resa conto, tra un tweet e l’altro sui gufi e rosiconi, tra un annuncio mirabolante e una finta autocritica, tra un salto della quaglia arrivista e la rivendicazione di risultati mai ottenuti, tra una mossa tattica e l’altra per lucrare il voto di chiunque, che hanno deciso di non chiederlo più a me.

Ce ne faremo, credo, entrambi una ragione.

Ma credo che i primi a non sapere dove accidenti sono capitati siano proprio loro.