Quella volta che sfiorai il Cara di Isola Capo Rizzuto

Standard

Da “Tutti al mare vent’anni dopo”, Perdisapop, 2006

CROTONE

“Lei ha il permesso del capovillaggio? No? E allora mi dispiace ma non può entrare”. Nel Congo alla ricerca di Livingstone? Al villaggio Valtur di Capo Rizzuto nel 1985? Macché: al villaggio Valtur di Capo Rizzuto nel 2005. Nello stesso posto, cioè, in cui il Serra fu respinto con perdite vent’anni orsono, colpevole di voler attentare alla serenità dei vacanzieri con quattro-domande-quattro sulla loro condizione di prede dei g.a.: i gentile animateur. Quelli che vennero importati dal Club Mediterranée e poi perfezionati in Italia secondo tecniche di colorata coercizione dei turisti che anche al Mossad ormai considerano troppo severe: eventi continui, felicità a momenti, vita intensa. E un mondo difficile.

Stavolta va così. Mi presento all’ingresso del villaggio verso le 14 e subito vengo stoppato dalla guardia giurata, che è vestita come Totò Schillaci al provino per il sequel dei Chips: vistosa semiautomatica nella fondina, maglietta azzurra con scudetto tricolore. Mi dispongo a zerbino, spiego il mio piano, vengo fatto accomodare in un gazebo di legno mentre fuori la vita continua a scorrere veloce. Velocissima, dal momento in cui comincia a piovere e si intuisce il viavai di forzati che risalgono dalla spiaggia al villaggio per sottoporsi a chissà quali torture: il torneo di ping pong? Una gara di barzellette? Il remake del Grande fratello con tanto di nomination e fuga d’amore nella suite?

Mentre fantastico sulla sorte degli ostaggi, vengo messo in contatto telefonico con la reception. Che sta a cento metri, o almeno così intuisco. Mi risponde una voce femminile. Rispiego. Mi parcheggiano in attesa. Per mezz’ora. Intanto, un nastro registrato mi prega di rimanere in linea in dieci lingue diverse, maltrattandole tutte. E il jingle della Valtur,che sembra scritto dal fratello meno dotato di Goran Kuzminac, martella impietoso: “Uouoooo per l’amicizia! Uouoooo e l’amico sei tu! L’emozione di un istanteee! L’emozione divertenteeee! L’emozione della genteeee, dei villaggi Valtuuuur!”.

In realtà no, l’amico non sono io. O almeno così mi spiega la voce femminile che finalmente ha ottenuto la risposta del capovilaggio: no. Perché? “Perché lei potrebbe essere chiunque”. L’affermazione mi spiazza: effettivamente io SONO chiunque. “Però se vuole chiedere a Milano…”.

Perfetto: è andata. Stavolta ce la faccio. Entrerò con tutti i crismi, munito di regolare permesso. All’epoca, il Serra difficilmente avrebbe potuto rimediare un telefono in zona: intorno ci sono solo ginestre e bouganville. Ma la tecnologia nel frattempo ha fatto qualche passetto. Chiamo Milano, dal mio cellulare e a mie spese. La ragazza dell’ufficio relazioni esterne copre il telefono con la mano (non benissimo) e racconta al suo capo che un “giornalista dell’Unità in barca a vela vuole entrare al Valtur di Isola Capo Rizzuto”. Quello forse si chiede cosa ci fa D’Alema a Capo Rizzuto. Poi pensa di chiamare gli infermieri. Infine si fa raccontare nuovamente. E conclude: “Servirebbe l’autorizzazione del direttore prodotto, che è il capo di tutti i capi-villaggio. O del direttore generale”. Ciumbia. “Se vuole lasciarmi il suo numero…”.

Quando si fanno lasciare il numero,di solito non richiamano. E non sarà questa l’eccezione. Inoltre, a differenza del mio predecessore, non dispongo neppure di una vettura 4×4 che mi guidi attraverso i campi di pomodori per tentare uno sbocco via mare. Dunque mi infilo il codone tra le gambone, ben deciso a evitare facili ripicche per il trattamento ricevuto. Non scriverò mai, per esempio, che poco tempo fa da queste parti la ‘ndrangheta ha fatto saltare un pregiudicato con un bazooka, e che dunque la sicurezza anabolizzata del Valtur profuma un po’ di Colombia. O che sembra di stare in un film di Tarantino. Anche perché ho un piano B: perlustrare l’altro villaggio turistico che dà lavoro a decine di crotonesi: il Cpt per immigrati che sta di fronte all’aeroporto. Fa capo alla Misericordia, una Onlus cattolica, e non alla Valtur. E’ più recente, perché finito di costruire un anno e mezzo fa fa. E’ decisamente meno confortevole. E meno capiente: 120 reclusi al massimo. Ma non meno facile da visitare. Ne sa qualcosa il presidente della Regione Loiero, che pochi mesi orsono fu respinto e dovette ripresentarsi il giorno successivo.

Naturalmente non va meglio al cronista, ma almeno mi ritrovo l’opportunità di conoscere Serafino Scalise, poliziotto, segretario del Silp Cgil. Che si batte pubblicamente per rendere decenti le condizioni di chi dentro al centro è trattenuto, e anche di chi ci lavora. Agenti che vengono comandati a rimpatriare i clandestini mentre magari servirebbero sul territorio, visto che gli organici di polizia sono gli stessi di quando l’immigrazione manco si sapeva cos’era. Insomma – abbozzo a Scalise, esprimendomi in tardo democristiano – finisce che per combattere la criminalità mancano uomini e mezzi. Lui mi fulmina amorevolmente: “Uomini e mezzi ci sono – sorride – manca il contesto”. Poi me lo spiega, il contesto: “Qualche giorno fa, una pattuglia impegnata in un inseguimento ha trovato un’auto in doppia fila che faceva da tappo. Quando finalmente sono riusciti a passare, il collega ha abbassato il finestrino e ha richiamato il tizio che non si era spostato: ‘Poi ti mandiamo la contravvenzione a casa’. Quello non ci ha visto più: ammìa? E s’è lanciato all’inseguimento della volante”. Com’è finita? “Gli ha tagliato la strada, li ha fermati. I poliziotti sono scesi e c’è stata una colluttazione. La sera al telegiornale locale c’erano le interviste dell’assalitore: raccontava di aver subito un’aggressione. Un eroe, praticamente”.

Vado a cercare altri lumi sul famoso contesto da un collega di Scalise: solo sindacalista, non poliziotto. Ma a Crotone basta per essere in prima linea. Perché se difendi i diritti di chi lavora, affondi ipso facto le mani nella zona grigia che sta tra l’imprenditoria e l’indicibile.

Alla sede della Cgil  c’è ancora Di Vittorio alle pareti. E sbarre alle finestre. Anche se siamo al primo piano. Il mio uomo si chiama Romano Pesavento, ha una trentina d’anni, una Lacoste verde e un papà del nord che ha studiato con Curcio e Rostagno. In una mezz’ora lucida e appassionata, mi fa il Bignami della Crotone p.M, cioè post Montecatini, il gigante chimico imploso una decina d’anni fa  insieme a tutto l’indotto, trascinando nel nulla 1200 famiglie. E’ questo: ferrovia a un solo binario, una sola strada verso Taranto e Catanzaro “che basta un funerale per bloccarla”, 23 per cento di disoccupazione ufficiale, lavoro nero come istituzione, una sola agenzia interinale in città “ché il posto te lo trovano altre persone”, l’usura della ‘ndrangheta “che non ti strozza ma rileva l’azienda”, l’abusivismo che dilaga e lambisce pure l’area marina protetta di Capo Rizzuto, Antonello Venditti…

So cosa pensate: poveretti, anche Venditti. Ma stavolta, solo stavolta, vi sbagliate. “E’ venuto in concerto a Capo Rizzuto – racconta Romano – e ha avuto la brillante idea di scagliarsi contro l’abusivismo. Che bel mare avete, ha scandito al microfono. Peccato tutto quel cemento. E’ la rovina della Calabria. Improvvisamente la piazza s’è zittita. Allora Venditti ha provato a mediare: se proprio dovete farle abusive, le case, fatele belle. Qui si vedono certe cose… Ma la gente se ne stava già andando”.

Romano mi introduce al suo capo: Pasquale Aprigliano. Ex sindaco di un paesino in provincia di Cosenza, sta qui da dieci anni. Look e disincanto da Marlboro man. “Cosa occorre per fare il sindacalista qui? Peli sullo stomaco e coglioni nel ghiaccio”. Poi esemplifica: “Il contratto d’area, per dire. Poniamo che l’imprenditore intaschi i soldi d’incentivo e poi assuma trenta persone invece delle cinquanta che la legge gli impone. Io devo denunciarlo. Il risultato però è che gli revocano il finanziamento, quello chiude, e anche i trenta assunti restano a casa. Devo scegliere tra una violazione e un disastro sociale però…”. Però? “Però fatti un giro per Crotone. Pellicce, gioielli… non è terzo mondo. I soldi liquidi non mancano. Il rischio è smettere di chiedersi da dove vengano”.

Uscendo, la delusione: nemmeno una pelliccia. Forse il fatto che siamo in agosto un po’ influisce. Ma la ricognizione, grazie a Romano, regala altri momenti significativi: il pellegrinaggio all’enorme gladio in marmo che sovrasta la città dall’alto di Parco Pignera, sorta di simbolo fallico che soprattutto di notte emerge in tutto il suo turgore. E poi piazza De Gasperi, col suo giardinetto a forma di svastica. Il terribile palaMilone con la sua insegna che sembra disegnata da Marinetti in acido. E il lungomare. Che, certo, conta pure un edificio storico dell’Ottocento raso al suolo per costruirci un albergo. Certo, è invaso dalle auto. Certo, è costellato di imperdonabili parabole che offuscano le residue palazzine liberty. Certo, ha qualche fontana sporca che non funziona. Certo, è stato ristrutturato in modo che quando piove si allaghi. Ma è bello. E decorato da giovani belli. Con begli abiti firmati. Che bevono bei drink, in bei pub, su un bel mare.

Finisce così che tu e Romano vi guardate come Totò e Peppino alla stazione di Milano. Perché la ‘ndrangheta in fondo è come la nebbia: quando c’è, non si vede. E si chiama contesto.

Di Serracchiani, stupri, profughi, buonsenso e senso comune: un articoletto

Standard

Debora Serracchiani (nella foto mentre ci saluta un casino) ha sostenuto – per iscritto – che uno stupro commesso da un profugo è più odioso di uno stupro normale.

La ratio della sua opinione è la stessa che mi hanno espresso alcuni amici internettari “di sinistra” quando ho commentato, criticando, uno svarione che a me odora di razzismo inconsapevole. Essi dicono: “Se ti accogliamo, ringraziaci e non stuprarci”.

In sé è un dato condivisibile: chi ha l’occasione di vivere in Italia e non sotto un bombardamento dovrebbe esserci riconoscente. Molti.

Ma c’è un aspetto che non è stato valutato a sufficienza: i profughi sono come noi. Come noi, talvolta sono fragorosi pezzi di merda. Altre volte sono persone meravigliose. Sono normali, o sono disturbati. Sono perbene o sono delinquenti. E il loro fuggire dall’indicibile non li rende superiori.

Ma neppure inferiori.

La Serracchiani non è razzista, come ha dichiarato tentando di smontare le polemiche. Ma ha incautamente aggiunto di aver detto qualcosa di buonsenso. Invece ha mandato a collidere due elementi che nulla hanno a che fare tra loro per inseguire il senso comune.

Che spesso è l’esatto contrario del buonsenso, ma porta voti. Lo stesso senso comune che ha indotto Renzi a stoppare la legge sui vaccini. A differenza del buonsenso, il senso comune è spesso ciò che una volta si diceva al bar e oggi sui social. Talvolta persino vergognandosene un filo.

Quel che in un moto di rabbia si può persino pensare (Altan diceva: “A volte ho idee che non condivido”) ma mai e poi mai dovrebbe finire sulla carta intestata di un qualunque governo.

Gaber sfotteva le differenze tra Destra e Sinistra quando elencarle era uno stucchevole gioco da salotto. Oggi che sono evaporate, e a quelli come me hanno raso al suolo la casa politica, mi piacerebbe ridurle a una: avere il coraggio dell’impopolarità finché non diventa popolare e vincente.

Non fosse che ce ne sono pure troppi, fonderei un nuovo partito.

 

E lo chiamerei proprio così: “Partito impopolare”.

Quel paraculo di Warren Beatty e l’agguato a Faye Dunaway: una ricostruzione

Standard

La scena l’avete vista, ma forse non l’avete sezionata.

La scena dell’epic fail, come dicono quelli che parlano male. Dell’Oscar assegnato per errore a “La La Land” che invece tre minuti dopo, previo e postumo psicodramma, finisce a “Moonlight”.

Va così.

Warren Beatty apre la busta sbagliata. Segue sguardo spaesato. Addirittura rovista nella busta medesima per verificare se non ci siano altri fogli. Perché sul cartoncino c’è sì il titolo di un film, ma c’è anche il nome di un’attrice, Emma Stone, che la statuetta l’ha appena ricevuta sul serio. Beatty si ferma. Sa che sta per fare la cazzata. Non vuole farla. Attimi di interminabile imbarazzo.

Faye Dunaway, al suo fianco gli dice: “Va’ avanti, va’ avanti”.

Allora quel simpatico coniglione le sposta la busta sotto gli occhi finché lei pensa che sia il momento di sollevarlo dall’inspiegabile balbuzie espressiva. E finalmente pronuncia il titolo. Errato.

Seguono, nell’ordine, giubilo, dramma, farsa.

Morale: anche stavolta, per salvare il culo a un uomo, una donna si immola e pesta il merdone in sua vece. Addirittura in Mondovisione.

Grazie a nome di noi codardi. Alla prossima.

Di patate, oche e prime pietre da scagliare: una riflessione

Standard

monclerAnche a me capitò di essere accusato di sessismo, per una vignetta in cui, con un piccolo carpiato, avvicinavo le oche a Maria Elena Boschi. I miei censori furono tre quotidiani: il Fatto, Libero e il Giornale.

Il pelatone di piazza Venezia diceva “molti nemici, molto onore”. Ed era una cazzata. “Certi nemici, molto onore”, invece, è un po’ la mia filosofia di vita. Quindi mi spiacque un po’ per il Fatto, ma le altre due erano medaglie al valore.

È come se Valentino Rossi ti accusasse di evadere le tasse, o Valerio Scanu di cantare canzoni orribili.

Tuttora penso che quella vignetta non fosse sessista (avessi parlato di Lotti magari l’avrei avvicinato a un asino, per dire) e che un’oca vera avrebbe scritto una riforma della Costituzione più plausibile. Il luogo comune atteneva alle capacità, mica alla bellezza che fa rima con stoltezza.

Poi non so se la rifarei, confesso. Perché ricevetti anche qualche critica sensata. Non capziosa. E quando ricevo critiche tendo ad interrogarmi.

Certamente non avrei mai osato scrivere, eppure faccio satira, o almeno ci provo, che la Boschi veniva “trivellata dai giudici”. Mai avrei chiesto al mio blog cosa fare con la Boldrini in macchina. Mai avrei dato della vecchia puttana alla Montalcini. Mai, come il satirico ufficiale del MoVimento, mi sarei sognato di dare per assodati – in un tweet serio, neanche in una vignetta – ipotesi di rapporti orali tra l’ex premier e un suo ministro.

Perché spero di essere una persona perbene.

Chi oggi si straccia le vesti per il titolaccio orrendo di Libero è il primo responsabile di un’informazione che usa in malafede gli stilemi della satira. Basta leggere Tzé-Tzé. E non è, non sono, almeno in questa vicenda, persone perbene. Sono le vittime del tutto casuali di un cortocircuito innescato da chi – Feltri – possiede la stessa cultura umana, politica, giornalistica del partito politico che ha così malamente attaccato

Il Blog di Peppe, i suoi fan, i suoi lettori, sono sovrapponibili a quelli di Libero. Così può capitare, com’è successo, che sulla linea di fuoco del vaffanculo reciproco finiscano persone innocenti come la Raggi. Cui esprimo piena e sincera solidarietà per essere capitata, senza alcuna colpa, in una pessima partita di giro.

Basta solo sia chiaro a tutti di quale partita si tratta.

È un derby.

Trump presidente: il programma dell’insediamento

Standard
(ANSA – ALVARO VITALI) Donald Trump mentre propone all’inviato dell’Associated Press il celebre gioco del dito da tirare

(ANSA – ALVARO VITALI) Donald Trump mentre propone all’inviato dell’Associated Press il celebre gioco del dito da tirare

Come si svolgerà la cerimonia d’insediamento del presidente Trump?

 

La cerimonia di oggi sarà scandita, all’insegna della sobrietà, da un rigido protocollo. Questo.

Ore 8 (del 18 gennaio) Via ai lavori il riporto di Trump: li coordina un ingegnere spaziale.

Ore 9 (del 20 gennaio) Trump telefona a Hillary Clinton per invitarla a presenziare.

Ore 9.01 Trump richiama per rivelare che era uno scherzo. Segue rumorosa pernacchia.

Ore 9.30 Spettacolo di lap dance al Trump Plaza offerto da Vladimir Putin. Silvio Berlusconi ha mandato dall’Italia alcune consigliere regionali.

Ore 10 Suddivisione del pubblico. In omaggio al politicamente corretto, i posti per le persone di colore portano la scritta “black” e non “nigger”.

Ore 18 Dopo l’allontanamento dell’annunciatore storico, un nuovo speaker dà il via alla cerimonia: il wrestler Hulk Hogan.

Ore 18.30 Arrivano Barack e Michelle Obama. Trump scrive “Thank you” sulla loro auto con una chiave inglese.

Ore 19 Trump giura. Per rendere più  cannoni a salve sono stati sostituiti da alcune ogive nucleari. Annientata la Corea del Nord.

Ore 19.30 Discorso d’insediamento con un passaggio sull’Isis. Viene pronunciato addentando un panino con la porchetta.

Ore 20 Conferenza stampa. Per l’inviato della Cnn pronte pece e piume. L’evento è organizzato con la consulenza di Beppe Grillo.

Ore 20.30 Aperitivo alla Casa Bianca con 300 invitati. Le auto vengono parcheggiate sull’orto di Michelle.

Ore 21.30 Dopo i numerosi forfait, lo show si apre comunque con un concerto che farà rumore: un agricoltore di Montgomery suona “Sweet home Alabama” con le ascelle.

Ore 21.30 Gesto distensivo verso il Messico: un gruppo di mariachi esegue brani tipici mentre deputati repubblicani gettano noccioline dentro la loro gabbia.

Ore 23.30 Invasione del Canada.

Ore 24 Inizia lo smontaggio del riporto di Trump. Durerà per l’intero mandato.

Uscito su Oggi