Grazie, graziella e grazie al vescovo di Ferrara che pare abbia augurato a Francesco di fare la fine di Papa Luciani

Standard

(ANSA – BERTONE) Don Negri mette sul tavolo tutta la sua fede

 

Volevo ringraziare don Luigi Negri, arcivescovo di Ferrara.

Volevo ringraziarlo per non aver capito che Dio pare sia in cielo, in Terra e in ogni luogo, ma anche i collaboratori del Fatto Quotidiano possono essere quantomeno seduti al tuo fianco sul Frecciarossa.

Volevo ringraziarlo per aver telefonato a un anonimo interlocutore, che secondo il Fatto quotidiano era Renato Farina de Il Giornale, adepto di Comunione e Liberazione come Negri, di osservanza andreottiana, che però ha smentito, ha querelato tutti, ha ribadito che lui è un grande fan di Francesco e dei suoi vescovi, e francamente non vedo perché dubitare di Farina.

Volevo ringraziare don Negri per aver detto, tra le altre cose, che si augura per il Papa un intervento della Madonna per farlo finire come quell’altro, Papa Luciani, che come sappiamo raggiunse i cieli dopo un mesetto appena al soglio di Pietro.

Volevo ringraziarlo per aver tuonato contro i vescovi di strada nomimati da Papa Bergoglio in luogo, per dire, a Bologna, del cardinal Caffarra, ratzingeriano di osservanza strettissima.

Volevo ringraziarlo per aver detto che don Dossetti e il cardinal Lercaro, due figure di dialogo, tolleranza, intelligenza, inclusività, che hanno fatto grande questa città e in generale la religione che hanno propalato in Terra, avevano rovinato la Chiesa.

Volevo ringraziarlo per aver promesso di non farne passare una, di far vedere i sorci verdi al cardinal Zuppi, vescovo di Bologna, che “parla dei poveri ma lui che ne sa”.

Volevo ringraziarlo perché non so se ne sappia, di poveri, don Zuppi, ma intanto la notte dorme nel pensionato per preti invece che nel salone delle feste come il cardinal Bertone, cui immagino il vescovo Negri sia un filo più famiglio.

Volevo ringraziarlo per aver tuonato contro il vescovo antimafia che Francesco ha insediato a Palermo.

Volevo ringraziarlo.

Perché sono ateo, ma fino a diciotto anni ho frequentato la parrocchia, ho fatto il catechismo, sono battezzato.

Ed è grazie a cardinali come don Negri se quando trapasserò, nel caso improbabile che incontrassi un tizio con la barba, le chiavi in una mano e il caffè Lavazza nell’altra, potrò dire che, dopo aver letto cosa pensano certe gerarchie in tonaca di persone specchiate come il nostro vescovo, di gente che vuol ripulire la chiesa, di sacerdoti che “non hanno capito” e non vogliono capire cosa sia diventato il ministero di Dio e lo sprezzo per gli ultimi, che ho sentito il desiderio irrefrenabile, quasi inevitabile, di tornare a messa domenica prossima.

Grazie, don Negri. E così sia.

Uscito sul Corriere di Bologna

 

9 pensieri su “Grazie, graziella e grazie al vescovo di Ferrara che pare abbia augurato a Francesco di fare la fine di Papa Luciani

    • Luigi

      Commovente, tra l’altro, la carità di questo “pastore” nei confronti di confratelli colpevoli di essere chiamti a servire la Chiesa dove il Papa li ha destinati!

    • luca

      ancora ateo ma torni a messa, ho capito il sostegno ai “buoni” della chiesa… ma che c’entra tornare a messa se si è atei?? è come andare in macelleria se si è vegetariani perchè amici del macellaio. o mi sbaglio? saluti.

      • Luca Bottura

        ovviamente non capire i paradossi è un problema di chi scrive e non di chi non li capisce. ma era appunto un paradosso. abbracci

  1. Complimenti Luca; mi riconosco in tutto quello che hai scritto; solo una cosa; ai miei tempi si diceva che il volto era lo specchio dell’anima; solo a guardare il grugno di questo figuro penso che quel detto sia valido ancora oggi

  2. Luigi

    Si può governare una porzione di Chiesa pur augurandosi un “miracolo” a breve della Madonna. In quale Madonna crede questo pastore se la invoca per far crepare colui che non gli va proprio a genio?
    Del resto questo prelato non esita a biasimare il giudici che osano perseguire il noto corruttore di giudici, finanzieri, avvocati e testimoni del suo processo proponendoci una Chiesa anticonciliare senza presente e senza futuro. La Madonna non lo ascolti e conservi a lungo Papa Francesco!

  3. Gian Carlo

    Se il tizio con la barba fosse meno impegnato negli spot forse avrebbe il tempo di portare un caffè corretto a certa gente che dice di essere cattolica.

  4. Adelfio

    Mi permetto solo perché sono un tuo affezionato ascoltatore e so che ci tieni, c’è forse un che di troppo nell’ultimo periodo del tuo articolo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *