Dal grande fiume al cielo: in morte del Kaimano Renzo Finardi

Standard

Risultati immagini per renzo finardiIeri ho fatto un salto a Viadana a salutare Renzo Finardi, il Kaimano del Po.

Non ero amico di Renzo, non in senso stretto. L’avevo conosciuto tramite Bengi, di cui era il fido batterista. E mi aveva colpito perché sembrava vivere in un altro mondo. E quel mondo era, di rimbalzo, il mio. Il fiume. Il grande fiume che i miei antenati mantovani guardavano con paura o speranza, e che per lui era vita e rifugio.

L’altro giorno, per celebrarlo, Daniele, mi scuserà se lo chiamo col nome all’anagrafe, ma quello che parlava ieri dal pulpito era Daniele, non Bengi, ha pubblicato un video del Kaimano che raccontava sé stesso, di quando andava a spargere il bitume sui tetti, prima, e di quando, poi, la sua passione con le bacchette era diventata un lavoro, gli aveva regalato la felicità, perché viveva di quel che amava, e l’aveva infine portato al soglio più alto: il successo coi Ridillo e la tournée insieme a Gianni Morandi. Che era lì anche lui. Perché Gianni è così.

Diceva, Renzo, che non erano tanto i soldi, la fama, la f**a – non lo diceva, ma credo lo pensasse – la vera svolta era che quando arrivava in teatro, per suonare, la batteria era già lì montata. E non gli sembrava vero che qualcuno l’avesse fatto per lui. Perché il frontman a fine concerto mette via la voce. Il bassista, il basso. Il trombettista… ci siamo capiti. Chi pesta sui tamburi, invece, di solito si mette a smontare ogni pezzetto. E intanto pensa. E medita, anche se magari le scuole non erano proprio il suo luogo di formazione. E diventa a suo modo un filosofo. Anzi, senza “a suo modo”.

Tempo fa mio nipote aveva guai proprio con la scuola. Un giorno fece a botte, rischiò la cacciata. Allora me lo caricai in auto e, senza apparente motivo, lo portai sul Po per prendere aria agli occhi. C’era il Re del Po, un tizio felliniano, anzi: zavattiniano, che prende il legno quando si spiaggia sulla riva e lo inchioda, ne fa percorsi sospesi. Li regala a chi vuole giocarci. Ogni tanto arriva qualche bullo, qualche ‘ndranghetista, e glieli brucia. Lui ricomincia.

E c’era Renzo. Che era lì da lui. E che insistette per portarci sull’altra sponda del Grande Fiume a vedere il suo capanno, a offrirci un bicchiere, a mostrarci come si era organizzato per ammirare quel posto della mente che non era solo della mente.

Ieri ho scoperto che mio nipote aveva rischiato di finire in acqua, perché il Kaimano faceva così, prendeva la progenie degli amici e la buttava in acqua. Una sorta di rito, tipo stare sul Gange, coi pesci siluro al posto delle mucche. Ma per fortuna del mio ragazzo, era inverno.

Quando gliel’ho detto, ieri, a mio nipote, che il Kaimano aveva smesso di suonare, ha sorriso mesto: “Me lo ricordo. Fantastico. Un pazzo”.

Un pazzo, un signor musicista, anche, un battutista efferato e dolcissimo, uno di noi: che abbiamo tanta di quella pianura negli occhi che quasi non dovremmo avere niente da sognare. Forse per quello saliamo sui tetti, bitume o no. Ma qualche volta abbiamo una forza che ci spinge giù per correre dietro alla felicità.

Finché si fa prendere.

Grazie Kaimano. Insegna agli angeli a nominare il nome di dio invano.

8 pensieri su “Dal grande fiume al cielo: in morte del Kaimano Renzo Finardi

  1. Beppe

    Lucio Dalla e Francesco Guccini litigarono forte sul verso “passeggia un cane e abbaia al vento un uomo”. Ecco, a vederlo li a costruire quelle robe strane in riva al Po, sotto il ponte tra Boretto e Viadana, ho pensato a quel verso e, ovviamente, l’ho amato subito ché a me, le persone in direzione ostinata e contraria, suscitano amore incondizionato e totale. La mia timidezza, la paura di rompere le palle a uno sconosciuto me lo avevano sempre fatto guardare da lontano, con discrezione e delicatezza. Era suolo pubblico? Demanio? Sticazzi: era casa sua e non mi sognavo di entrarci. Avrei voluto scambiarci due chiacchiere ma non l’ho mai fatto. Non sapevo quello che ho imparato leggendo quanto sopra.
    Grazie Luca e che il fiume gli sia lieve.

  2. daniele federici

    GRANDE BOTTURA!!!HAI CAPITO A FONDO LA GENTE DEL PO !!RENZO ,RAMON IL RE DEL PO E TUTTE QUELLE PERSONE
    SPIRITI LIBERI CHE HANNO SCELTO IL PO COME LUOGO DI VITA..IN EFFETTI ANCHE IO SE CI PENSO QUANDO FACCIO QUELLE LUNGHE PASSEGGIATE SUGLI ARGINI MI SENTO LIBERO A CONTATTO STRETTO E DENTRO ALLA NATURA,CON IL RUMORE DEL GRANDE FIUME CHE TI ACCOMPAGNA .ORA LA PIENA HA SPAZZATO VIA IL MONDO DEL RE DEL PO E LE SUE STRUTTURE E LE ROULOTTE DI RAMON SPOSTATE IL LUOGO SICURO, MA SICURAMENTE FRA QUALCHE MESE TUTTO RITORNERA’ COME PRIMA PER GODERNE ANCORA TI TANTA BELLEZZA E PACE!!!PER QUANTO RIGUARDA IL CARO RENZO CHE IO CONOSCEVO FIN DA PICCOLO NON C’E’ PIENA CHE PORTI VIA IL SUO ESSERE PERCHE’ SARA SEMPRE CON NOI AMICO MUSICISTA SINCERO E BELLO DENTRO!!!VOGLIO DARE MERITO ANCHE A LORENZA E ANTONELLA E TUTTI QUELLI DELLA SUA FAMIGLIA CHE LO HANNO SEGUITO IN QUESTI MESI DI MALATTIA E AI RIDILLO TUTTI, ESEMPIO DI COME UN GRUPPO IN QUESTO CASO MUSICALE POSSA DIVENTARE UNA FAMIGLIA!!!BRAVI!!!WWWW LA MUSICA,L,AMICIZIA E LA BELLA GENTE DA CUI IMPARI SEMPRE QUALCOSA !! SALUTI DANIELE FEDO FEDERICI

  3. Posso ripubblicare Luca su http://www.ilgiornaledelricordo.it?
    Grazie, Roberto
    roberto@ilgiornaledelricordo.it

    Ieri ho fatto un salto a Viadana a salutare Renzo Finardi, il Kaimano del Po.

    Non ero amico di Renzo, non in senso stretto. L’avevo conosciuto tramite Bengi, di cui era il fido batterista. E mi aveva colpito perché sembrava vivere in un altro mondo. E quel mondo era, di rimbalzo, il mio. Il fiume. Il grande fiume che i miei antenati mantovani guardavano con paura o speranza, e che per lui era vita e rifugio.

    L’altro giorno, per celebrarlo, Daniele, mi scuserà se lo chiamo col nome all’anagrafe, ma quello che parlava ieri dal pulpito era Daniele, non Bengi, ha pubblicato un video del Kaimano che raccontava sé stesso, di quando andava a spargere il bitume sui tetti, prima, e di quando, poi, la sua passione con le bacchette era diventata un lavoro, gli aveva regalato la felicità, perché viveva di quel che amava, e l’aveva infine portato al soglio più alto: il successo coi Ridillo e la tournée insieme a Gianni Morandi. Che era lì anche lui. Perché Gianni è così.

    Diceva, Renzo, che non erano tanto i soldi, la fama, la f**a – non lo diceva, ma credo lo pensasse – la vera svolta era che quando arrivava in teatro, per suonare, la batteria era già lì montata. E non gli sembrava vero che qualcuno l’avesse fatto per lui. Perché il frontman a fine concerto mette via la voce. Il bassista, il basso. Il trombettista… ci siamo capiti. Chi pesta sui tamburi, invece, di solito si mette a smontare ogni pezzetto. E intanto pensa. E medita, anche se magari le scuole non erano proprio il suo luogo di formazione. E diventa a suo modo un filosofo. Anzi, senza “a suo modo”.

    Tempo fa mio nipote aveva guai proprio con la scuola. Un giorno fece a botte, rischiò la cacciata. Allora me lo caricai in auto e, senza apparente motivo, lo portai sul Po per prendere aria agli occhi. C’era il Re del Po, un tizio felliniano, anzi: zavattiniano, che prende il legno quando si spiaggia sulla riva e lo inchioda, ne fa percorsi sospesi. Li regala a chi vuole giocarci. Ogni tanto arriva qualche bullo, qualche ‘ndranghetista, e glieli brucia. Lui ricomincia.

    E c’era Renzo. Che era lì da lui. E che insistette per portarci sull’altra sponda del Grande Fiume a vedere il suo capanno, a offrirci un bicchiere, a mostrarci come si era organizzato per ammirare quel posto della mente che non era solo della mente.

    Ieri ho scoperto che mio nipote aveva rischiato di finire in acqua, perché il Kaimano faceva così, prendeva la progenie degli amici e la buttava in acqua. Una sorta di rito, tipo stare sul Gange, coi pesci siluro al posto delle mucche. Ma per fortuna del mio ragazzo, era inverno.

    Quando gliel’ho detto, ieri, a mio nipote, che il Kaimano aveva smesso di suonare, ha sorriso mesto: “Me lo ricordo. Fantastico. Un pazzo”.

    Un pazzo, un signor musicista, anche, un battutista efferato e dolcissimo, uno di noi: che abbiamo tanta di quella pianura negli occhi che quasi non dovremmo avere niente da sognare. Forse per quello saliamo sui tetti, bitume o no. Ma qualche volta abbiamo una forza che ci spinge giù per correre dietro alla felicità.

    Finché si fa prendere.

    Grazie Kaimano. Insegna agli angeli a nominare il nome di dio invano.

  4. Ciao Luca
    Spiaciuto per non aver avuto il piacere di conoscere una persona a cui hai dedicato un bel ricordo…

    Abuso di questo spazio comunicativo per una osservazione, del tutto fuori tema, relativa ai twitter che hai ricevuto nell’ultimo paio di giorni (non ho profilo di tale social):

    Congratulazioni!
    Sei riuscito laddove tutti i sondaggisti anelano: infatti è sufficiente contare i messaggi, aldilà del bene e del male, che ti hanno inviato e si potrà arrivare al numero preciso di elettori di Italia Viva…

    Ti rendi conto del favore che hai fatto ai renzini? ;-D

Rispondi a Beppe Annulla risposta