Come il centrosinistra perderà le prossime elezioni, spiegato male

Standard

Nel discorso della montagna, un noto capellone semita diceva: “Sia il tuo sì, sì e il tuo no, no”.

Era un invito a cui tutti noi ci sottraiamo ogni giorno: quello di essere conseguenti rispetto alle enunciazioni.

Se sei un politico, ciò dovrebbe valere doppio. E dovrebbe esserci un’equanimità di giudizio. Ad esempio, gli stessi che – giustamente – imputano a Renzi la capriola sul referendum (“Se lo perdo, lascio la politica”) diventano improvvisamente indulgenti su Grillo che disse la stessa cosa per le Europee del 2014.

Ma finché si gabbano gli avversari, pazienza. Il problema è quando buggeri i tuoi. Quando il tuo sì diventa no, e viceversa.

Un esempio.

Pare che il Pd stia scaricando Tito Boeri, che era stato nominato da Renzi all’Inps in un momento di “magic touch”. Un tecnico competente al posto giusto.

Lo spoiling system dei propri (se si chiama così, non mi viene una traduzione italiana) si era già manifestato con Antonio Campo dall’Orto, direttore generale della Rai silurato dai renziani dopo averlo innalzato a un ruolo difficile da mantenere.

Entrambi erano – sono – due tecnici cui era stato detto: “Vi nominiamo perché siete bravi, non per lottizzarvi. Fate come meglio credete”.

Quelli hanno fatto come meglio credevano. A casa.

Ecco perché, tra i mille motivi, il Pd è al 25%. Perché tra il dire e il fare c’è di mezzo “e il”. E se prometti rottamazione, trasparenza, meritocrazia, non puoi prendertela con chi hai nominato perché non è una marionetta ai tuoi comandi.

Poi io di politica non capisco niente, e non voglio pensare che il siluro a Boeri (un “tecnico”) sia come quello che, via Visco, punto dritto al fondoschiena di Draghi. Un altro che nel potenziale casinone derivante da questa legge elettorale demenziale, potrebbe salire a Palazzo Chigi col compito di drenare qualche voto di responsabilità.

Penso solo che grattando il nuovo Pd si scovi una vecchia Dc che parla come un moderno Cinque Stelle. Perciò, spesso, berciando.

Oggi Michele Serra ha scritto un pezzo interessante sugli opposti estremismi piddini e del variegato campo della sinistra. Per seguire quell’invito alla conciliazione, servirebbero due fatti:

  • Renzi che concede qualcosa in termini di autocritica e la smette di comportarsi come l’uomo della provvidenza, perché di solito quelli hanno il 100 per cento.
  • La sinistra che (solo dopo un atto concreto) smette di compattarsi esclusivamente in funzione antirenziana.

È per questo che il centrodestra, se non si manda prima affanculo, vincerà le elezioni e il Pd probabilmente non sarà nemmeno in prima fila.

Temo.

3 pensieri su “Come il centrosinistra perderà le prossime elezioni, spiegato male

  1. dario

    mmm, non hai mai lavorato in grandi aziende strutturate.
    Certi dirigenti mettono certe persone, capaci e tecnicamente competenti in posti chiave dove sono libere di fare quello che vogliono … ma si tratta di una libertà di coscienza di tipo “cattolico” cioè se fai la cosa “giusta” verrai premiato, altrimenti, dannazione eterna.
    Tu però scegli pure liberamente perché cosa è “giusto” e cosa no lo decide il dirigente onnipotente.

Rispondi a dario Annulla risposta